Socialismo a passo di valzer

8,00

ESAURITO

Descrizione

“Dentro l’Osteria della Vittoria, in un piccolo paese della bassa padana, si aggirano i personaggi di questa pièce: la proprietaria, Vittoria, prototipo della “nuova donna” e dell’imprenditoria culturale che si forma negli anni a cavallo dell’Unità d’Italia, proprio a partire dalle osterie; Radames, giovane aiutante tutto preso dal progresso incalzante – dal treno all’invenzione del fonografo – che sta rivoluzionando quel mondo; Giovanni, ballerino nostalgico e rivoluzionario che vent’anni prima se n’era andato, deluso, per l’Europa, e ora torna e infiamma il cuore della proprietaria; l’anziano violinista Nicomede e il suo giovane allievo, il contrabbassista Astorre che suonano i valzer e le polke di Arnaldo Bagnoli, l’ultimo grande compositore dei Violini di Santa Vittoria. Sopra e intorno ai protagonisti aleggia l’Angelo del Socialismo, che vede il passato e il futuro, e accompagna con una leggera ironia questo piccolo simbolico popolo che lotta, lavora e danza, animato da un’idea di libertà e di uguaglianza che viaggia, come un refolo di vento, verso esiti imprevedibili”.
(dall’Introduzione di Giorgio Zorcù)

Informazioni aggiuntive

Anno

2011

ISBN

9788864000299

N. pagine

66