In difesa del proporzionale

18,00

ESAURITO

Categorie: , ,

Descrizione

Sistema proporzionale o sistema maggioritario, la questione è sempre aperta. Furono proporzionalisti, con motivazioni diverse, Engels, Jaurés, Kelsen, Kautsky, Sturzo, Togliatti, Turati; ed in generale del proporzionalismo fece una bandiera la sinistra antifascista, basti ricordare Gobetti: “Il loro istinto di padroni guida assai precisamente i fascisti nella lotta contro la proporzionale. Ora codesti padroni sono tanto più curiosi in quanto ci vogliono presentare i loro stratagemmi di volgare restaurazione come scoperte futuriste”. Maggioritaria fu invece tradizionalmente la destra: “Tra le molte concezioni della rappresentanza oscillanti tra il diritto personale ed il diritto collettivo, una sola cosa va rigidamente affermata: che la massa dei cittadini – diceva Mussolini – intende che l’Assemblea eletta sia la più capace a costituire un Governo, nella sua più alta, ma anche più concreta significazione di istituto atto a risolvere nel modo più rapido, fermo e univoco tutte le molteplici questioni che nell’azione quotidiana si presentano, non impacciato da preventive compromissioni, non impedito da divieti insormontabili, non soffocato da dissidi, non viziato nella origine da differenze ingenite di tendenze e di indirizzi.” Il libro guida il lettore tra storia e cronaca nei misteri dei sistemi elettorali.

Informazioni aggiuntive

Anno

1997

ISBN

8886083297

N. pagine

224