La rinascita della democrazia in Italia 1943-1948

7,00

ESAURITO

Categorie: , ,

Descrizione

In un’Italia ancora occupata e in guerra, segnata da incredibili sofferenze materiali e morali, da scontri duri e cruenti, da speranze e idee nuove, si mossero i primi passaggi, incerti e confusi, attraverso i quali iniziò la ripresa di una stampa libera. Alleati, Governo e partiti, i nuovi protagonisti della scena politica, seguirono con attenzione e partecipazione tutte le novità legate al mondo dell’informazione. Si trattava in primo luogo di mettere a punto interventi normativi (leggi, circolari, ecc.) , ma anche di problemi materiali derivanti dalla mancanza di materie prime e di energia elettrica: di fare i conti con i vecchi potentati del regime (proprietà delle testate e grandi personaggi della stampa) e di applicare l’epurazione agli addetti al settore, di trovare dei criteri (che si rivelarono poi spesso partigiani e contraddittori) con cui selezionare le innumerevoli domande di autorizzazione ai giornali che si accumulavano sui tavoli delle commissioni e degli uffici preposti a deliberare. Si trattava ancora di problemi di censura, legati alle condizioni di guerra del Paese e alla presenza degli Alleati.

Informazioni aggiuntive

Anno

1997

ISBN

8886083548

N. pagine

140