Questa è l’Italia

15,49

ESAURITO

Descrizione

Anarchico prima e socialista libertario poi, Merlino è uno dei più originali protagonisti del socialismo italiano, tra i pochi capace di dialogare alla pari con i più importanti intellettuali europei e il primo che cercò di coniugare socialismo e liberalismo. Nato a Napoli nel 1856, avvocato, difende Malatesta e Cafiero ed anche per questo sarà nel 1883 condannato come sovversivo e costretto a ben dieci anni di esilio. Diventato militante del Partito Socialista, viene candidato alle elezioni in un collegio campano. Come avvocato è il coraggioso difensore del regicida Bresci. Troppo radicale e liberale per il socialismo riformista e troppo moderno e riformista per il socialismo rivoluzionario, troppo indipendente per tutti, si allontanerà dalla politica attiva continuando la sua elaborazione teorica e la sua militanza garantista. Nel 1921 è il difensore di alcuni dei presunti attentatori del Cinema Diana e tra i pochi a capire l’evolversi del fenomeno fascista cui dedicherà due saggi, uno dei quali pubblicato da Piero Gobetti.

Informazioni aggiuntive

Anno

1996

ISBN

8886083238

N. pagine

255